IMMUNOGLOBULINE IgM

SIGNIFICATO CLINICO
Le immunoglobuline della classe M sono i primi anticorpi ad apparire in risposta ad uno stimolo antigenico per essere poi sostituiti, nel tempo, dagli anticorpi di tipo IgG.
Le IgM non oltrepassano la placenta e pertanto alti livelli di IgM nel sangue cordonale (o nella prima settimana di vita) sono suggestivi per un’infezione prenatale.
La macroglobulinemia di Waldenstrom è caratterizzata dalla presenza di una immunoglobulina monoclonale IgM.

INDICAZIONI CLINICHE
Approfondimento diagnostico in presenza di componente monoclonale rilevata all’elettroforesi.

TIPO DI CAMPIONE
Il paziente si deve sottoporre ad un prelievo di sangue.

PREPARAZIONE
E’ necessario osservare un digiuno di almeno 8 ore, è ammessa l’assunzione di una modica quantità di acqua. Occorre essere in posizione eretta da almeno 30 minuti.

VALORI DI RIFERIMENTO
Donna:
fino a 1 anno:    10 – 150 mg/mL
da 1 a 14:     30 – 200 mg/mL
dopo i 15 anni:    60 – 280 mg/mL
Uomo:
fino a 1 anno:    10 – 150 mg/mL
da 1 a 14:     30 – 200 mg/mL
dopo i 15 anni:    60 – 280 mg/mL

ESAMI  CORRELATI
elettroforesi siero, elettroforesi urina, catene leggere cappa e lambda, IgG, IgA