ACIDO METILIPPURICO

SIGNIFICATO CLINICO
Lo xilene è un idrocarburo aromatico molto utilizzato nell'industria sia come materia prima in numerosi procedimenti di sintesi chimica che come solvente. Lo xilene è irritante per la cute e le mucose; ha anche un’azione tossica sul Sistema Nervoso Centrale e sulla crasi ematica.
È presente in tre distinte forme isomeriche orto, meta e para e la metabolizzazione comporta la sintesi del metabolita acido metilippurico. Questo metabolita viene eliminato attraverso le urine con una cinetica piuttosto rapida. La sua concentrazione è ben correlata con i livelli di esposizione ambientale agli xileni.

INDICAZIONI CLINICHE
Esposizione allo xilene

TIPO DI CAMPIONE
Urina

PREPARAZIONE
Si richiede la raccolta di un campione di urine. La raccolta deve essere effettuata prima e dopo il turno di lavoro.

VALORI DI RIFERIMENTO

- per esposizione a stirene la somma dell'acido mandelico e dell'acido fenilgliossilico deve essere inferiore a 400 mg/gr.cre.
- per esposizione a etilbenzene la somma dell'acido mandelico e dell'acido fenilgliossilico deve essere inferiore a 700 mg/gr.cre.

NOTE
L'esposizione quotidiana al solvente può essere verificata con maggior precisione confrontando il dato di concentrazione di fine turno con il dato ottenuto da un campione raccolto al mattino, prima dell'inizio del turno di lavoro.

ESAMI CORRELATI

Acido fenigliossilico