ANDROSTENEDIONE

SIGNIFICATO CLINICO
L’Androstenedione (o Δ4-androstenedione) è un ormone steroideo prodotto nelle ghiandole surrenali e nelle gonadi come intermedio della via biochimica della sintesi di testosterone, estrone e estradiolo. È il precursore comune degli ormoni sessuali maschili e femminili. L’androstenedione secreto nel plasma può essere convertito dai tessuti periferici in testosterone ed in estrogeni.
L’Androstenedione ha una attività androgena relativamente debole, valutata intorno al 20% dell’attività del testosterone.
Nelle donne in pre-menopausa le ghiandole surrenali e le ovaie sintetizzano circa la metà dell’androstenedione totale (circa 3 mg/giorno).
In menopausa la sintesi di androstenedione è ulteriormente dimezzata, poiché vi è una riduzione della sintesi da parte delle ovaie. Pur tuttavia, l’androstenedione rimane il principale steroide prodotto dalle ovaie in post-menopausa.

INDICAZIONI CLINICHE

La misurazione dell’androstenedione sierico fornisce un indice della biosintesi degli androgeni.

TIPO DI CAMPIONE
Il paziente si deve sottoporre ad un prelievo del sangue.

PREPARAZIONE
E’ necessario osservare un digiuno di almeno 8 ore, è ammessa l’assunzione di una modica quantità di acqua. Occorre essere in posizione eretta da almeno 30 minuti.

VALORI DI RIFERIMENTO
Donna < 50 anni:  1,0 - 10,0 nMoli/ml
Donna > 50 anni:  0,6 - 6,0  nMoli/ml
Uomo  < 50 anni:  3,4 - 8,0  nMoli/ml
Uomo  > 50 anni:  1,0 - 9,4  nMoli/ml

NOTE
Livelli elevati di androstenedione sono stati individuati nell’iperplasia surrenale congenita, nell’ovaio policistico, nell’irsutismo nelle donne e in tumori surrenalici ed ovarici.

ESAMI CORRELATI
Testosterone libero, testosterone totale, DHEA-S, LH, FSH